Non sempre il fine giustifica i mezzi, specialmente quando si parla di clickbait. Cos’è il clickbait? Oh god, non potrai mai immaginare di cosa si tratti! Clicca qui —>

Ecco, è sostanzialmente questo. Ovvero condividere una news con un titolo “acchiappa click” solo, per l’appunto, per acchiappare click. Quando giungi sulla notizia, infatti, il 99% delle volte non trovi nulla di sensazionale, anzi. Molto spesso non trovi nulla punto.

Ad utilizzarla non sono mica solo siti pornografici o di spam, nossignore. Tra gli utilizzatori più sfegatati spiccano testate giornalistiche di presunto alto livello e sedicenti politici pronti a tutto pur di ottenere consensi. Insomma, nessuno è immune. E se non sei abbastanza scaltro, ci sta che ci clicchi sopra anche tu, contribuendo inconsapevolmente al successo di tale pratica.

Il clickbait per un nobile scopo

C’è però chi si è detto: non possiamo sconfiggere il clickbait? Allora utilizziamolo per un nobile scopo. Come per esempio invogliare gli utenti a leggere i classici della letteratura. È stato questo l’obiettivo di Litbaits, la campagna digitale lanciata dalla libreria americana The Wild Detectives lo scorso settembre.

Litbaits: quando il clickbait promuove la trama dei romanzi classici

I titoli ingannevoli dei post su Facebook, astuti e ricchi di ironia, erano in tutto e per tutto simili a ciò che siamo abituati a leggere ogni giorno. Così, cliccando sul post intitolato “Ragazzo inglese muore dopo un selfie andato storto” si giungeva sulla pagina dedicata a Il Ritratto di Dorian Grey. Lasciandosi tentare dal titolo “Ragazza inganna il fidanzato spingendolo al suicidio” ci si ritrovava davanti a Romeo e Giulietta. E così via.

Litbaits: quando il clickbait promuove la trama dei romanzi classici

Trattandosi di romanzi classici ormai privi di diritto d’autore, al momento del click l’utente si è ritrovato all’interno di una pagina contenente il testo di tutto il libro. Ciò ha comportato un incremento del 14.000 per cento del traffico al sito, un vero successo per The Wild Detectives!

Insomma, Litbaits ha ricordato agli utenti che esistono letture molto più interessanti degli articoli promossi col clickbait. Non ci credi? Clicca qui!

Vota l'articolo!
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]